La Casa, le pulizie

Come pulire i pavimenti

Come promesso eccomi pronta a a darvi qualche suggerimento ecologico, economico ed …organizzato per la pulizia dei pavimenti.

Le “ricette” per l’ auto-produzione casalinga del detersivo  pavimenti le trovate a fine post, invece se avete voglia di sapere come ho reso più rapida e meno noiosa questa incombenza continuate a leggere.

Partiamo da principio e cioè ” lo spazzare”, e lo sò è noioso, ma dobbiamo farlo  se vogliamo avere dei pavimenti puliti. Vediamo insieme  quanto ma sopratutto con cosa spazzare. Sicuramente, i pavimenti vanno spazzati frequentemente sopratutto se si hanno figli piccoli e amici pelosetti . Personalmente spazzo ovunque tutti i giorni e in cucina ogni fine pasto principale ( pranzo e cena). Il motivo di questa routine dipende da due fattori principali  mio figlio di 4 anni  che è perennemente “buttato” a terra a giocare e l’ordine che ne deriva dopo aver spazzato. I miei personalissimi alleati per questo mestiere sono:  aspirapolvere , uso un  Bosch di fascia medio\bassa di prezzo, che ha sostituito egregiamente  il più famoso folletto e la scopa in silicone della “super five” che ha di prepotenza affossato la vecchia scopa a setole. Sono due “amici” che adoro, come del resto il rotomop e  scopa a vapore, perchè mi rendono meno “pesante” e più rapida questa incombenza .

scopa silicone

Il mio consiglio a tal proposito è: cercate di trovare l’alleato giusto che vi farà se non amare, almeno, vi renderà meno pesante questo mestiere di casa.

Vediamo insieme come procedere per ottimizzare i tempi.

Fondamentale per sprecare meno tempo possibile è sgombrare i pavimenti , quindi togliere tutto ciò che intralcia il passaggio dell’aspirapolvere\ scopa con setole o silicone\ robottino rotante, comprese le sedie, con queste è presto fatto o le mettete sul tavolo con la seduta rivolta sul piano del tavolo o, come faccio io,  impilatele. Dopo di che spazziamo con il nostro alleato preferito. Il tempo stimato, orologio alla mano, per una casa di 80mq  usando “mezzi elettrici ” è di circa 5 minuti, con il sistema della nonna ( scopa a stole) un pò di più.

Dopo aver spazzato, cerchiamo di farlo almeno un paio di volte a settimana è necessario lavare ” a terra”. Immagino che, il pensiero di prendere secchio, spazzolone, straccio, detersivo e guanti non vi entusiasma. Tranquille nemmeno a me! Per questo motivo  6 anni fa ho appeso o meglio buttato spazzolone e straccio e mi sono convertita prima al rotomop e poco dopo alla scopa a vapore. Da quel giorno, ogni volta che lavo i pavimenti ringrazio e benedico Loro…  i geni che hanno inventato questi due magici attrezzi! Ogni casalinga folgorata sulla strada del mocio rotante e del vapore ha parole d’affetto per voi!

 ” We love you!!!! “

Tuttavia devo ammetterlo, tra le i due preferisco la scopa a vapore. La mia adorata, in tutto il suo splendore … 

scopa a vapore

Il motivo è semplice: il pavimento si asciuga rapidamente, a volte non apro nemmeno le finestre; con 300 ml di acqua lavo i pavimenti di casa, circa 80 mq; disinfetto realmente, con il vapore a 120° nessun germe sopravvive e le fughe restano linde; occupa poco spazio; i panni li lavo in lavatrice a 40° da 6 anni e sono come il primo giorno; NON uso detersivo, tasche e ambiente ringraziano; ma soprattutto tempo stimato, orologio alla mano per i miei soliti 80 mq, è di circa 6\7 minuti compreso il tempo per riscaldare l’acqua. Non vi sembra fantastico ? in circa 10 minuti abbiamo igenizzato i pavimenti di casa.

Ammettetelo, vi siete incuriosite e lei  vi sta facendo gola più di un barattolo di nutella prima del ciclo? Brave !!!! Siete il mio orgoglio, ma ATTENZIONE devo riportarvi alla dura realtà, la mia adorata non è per tutti i tipi di pavimento… ahimè! Va benissimo su tutte le pietre meno, molto meno, sul legno; infatti se avete il parquet in legno desistete,  sul parquet lamellare ( quello finto per intenderci) nessun problema. Ovviamente però, se avete il pavimento in marmo e lo amate  mooolto lucido con la scopa a vapore non otterrete il risultato sperato, anzi.  Una piccola accortezza di utilizzo, l’esperienza insegna, quando state pulendo con la scopa a vapore cercate di passare molto rapidamente vicino i mobili di legno, a lungo andare potreste rischiare di rovinarli.

rotomop ok

Ed ora passiamo a lui, il mio primo amore, il rotomop  o meglio il mocio con la testina rotante e in microfibra. L’ ho desiderato ardentemente  perchè fin da subito ne ho capite le potenzialità, sebbene adesso per motivi di tempo lo utilizzo meno. Il mocio con la testina rotante è adorabile perchè: la micro fibra asciuga molto bene il pavimento; non c’è bisogno di mettere le mani nell’acqua sporca, quindi non si usano guanti; grazie al pedale o all’asta, a seconda dei modelli, strizziamo le frange senza sforzare schiena e polsi; le testine sono lavabili in lavatrice a 40° e quindi per un annetto si riesce a mantenere sempre la stessa, oltre non si può andare perchè perdono in qualità.

Tuttavia, richiede l’utilizzo dei detersivi – mi raccomando cercate sempre quelli meno impattanti per l’ambiente, di solito uso  il winnis’ o il detergente all’ossigeno attivo della offinicina naturè, oppure quello hand made- ; si impiega più tempo per lavare tutta la superficie, ho calcolato che per i miei 80 mq ho bisogno di 30 minuti circa; bisogna smaltire l’acqua sporca e ogni volta che si mette acqua pulita ne servono circa 5 lt, esattamente come quando si usa il sistema della nonna ( spazzolone e straccio per pavimenti).

Dopo questa panoramica sulla pulizia dei pavimenti, che spero essere stata esaustiva ed utile, passo molto volentieri a darvi qualche “ricettina” eco-logica.

Una cosa importate da dire è che, gli ingredienti non sono giusti per tutti i pavimenti, quindi fondamentale è conoscere il proprio pavimento per poter scegliere quale detersivo auto-produrre.

Partiamo dai pavimenti di marmo, granito, pietra. Per la pulizia di questi materiali gli ingredienti sono:

  • 3 lt di acqua calda ( vi ho già detto nel precedente post che l’acqua calda aumenta l’efficacia delle nostre “pozioni”) in cui scioglierete
  • 3 cucchiaini di bicarbonato a cui aggiungere
  • 5 cucchiai di alcol denaturato ( quello rosa per intenderci)
  • 1 bel cucchiaio di sapone di marsiglia grattugiato.

Amalgamate bene gli ingredienti, soprattutto abbiate l’accortezza di far sciogliere bene le scaglie del sapone, e procedete a lavare normalmente.

Piccolo suggerimento: il marsiglia lo grattugio in anticipo e lo conservo nel vasetti di vetro, ovviamente di riciclo, meglio in  un luogo asciutto così non perdo tempo quando mi serve.

Per i pavimenti in gres, ceramica, cemento ( io ho un bel gres lucido),  porosi e laminato gli ingredienti sono:

  • 3 lt di acqua calda, sempre per i motivi già detti, a cui aggiungerete
  • 5 cucchiai di aceto, io uso quello di mele ma anche quello bianco va bene, a cui aggiungerete
  • 5 cucchiai di alcol denaturato ( vedi sopra) e
  • 1 cucchiaio di sapone di masiglia
  • facoltativi gli oli essenziali, personalmente on gli aggiungo.

Amalgamare molto bene e procedere con il lavaggio provare per credere, il mio gres viene una meraviglia.

Per legno e parquet

  • 3 lt di acqua tiepida o fredda
  • 1 cucchiaio di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di marsiglia
  • 1 cucchiaio di olio di lino bianco almeno una volta al mese per reidratare il legno.

Come vi ho già detto, nel precedente post ,non sono un chimico e, la mia fonte di ispirazione per queste ricette sono vari blog e siti che trattano l’argomento. La “pozione”per pulire i miei pavimenti  e quelle suggerite le ho prese da http://www.hellogreen.it.

E voi, miei adorati, che routine seguite per la pulizia dei pavimenti, che detergenti usate? Aspetto i vostri commenti.

 

 

 

5 pensieri riguardo “Come pulire i pavimenti”

  1. Io uso dei panni così mi viene tutto più veloce e non devo sollevare niente di pesante. Ho una scopa a vapore molto efficiente ma non la uso mai appunto per la questione peso. A volte i metodi più semplici sono i più efficaci.

    Mi piace

    1. Ciao Amleta, grazie del commento.
      In tema di pulizie di casa (ed in generale di organizzazione) vale la regola “quello che meglio funziona per te”, fermo restando che dal condividere le proprie esperienze si può sia apprendere sia insegnare qualcosina di nuovo.
      Io come te sono stata per tanto tempo del partito secchio e straccio, ed in generale non mi ha mai dato fastidio l’operazione di sciacquare e strizzare lo straccio anche a mani nude (salvo l’irritazione alla pelle di tanto in tanto!!!), e preferisco mille volte lo straccio al mocio (ma non ho mai provato il rotomop).
      Tuttavia, quello che funziona meglio per noi può cambiare nel tempo a seconda delle esigenze e del tempo a disposizione, per cui un consiglio che non abbiamo trovato valido in un momento della nostra vita, può risultare utile successivamente.
      Da un paio di mesi sto usando la scopa a vapore.
      Inizialmente l’ho presa per dare una pulizia veloce e quotidiana principalmente alla cucina, visto che con la bambina piccola e due gatti è la stanza che ogni sera necessita almeno di una spazzata! Ma il risultato mi ha lasciata talmente colpita positivamente che la sto usando praticamente in esclusiva per la pulizia di tutto il pavimento in tutta la casa (130mq).
      Con vistoso risparmio di tempo (la cosa per me principale, dovendo anche lavorare e studiare e “vivere” un pochino la mia vita!), denaro anche (perché non uso detersivi) e risultato molto soddisfacente in termini di pulizia.
      Non spazzo la cucina due volte al giorno come Magà, nemmeno se ci troviamo a consumare due pasti a casa. Lo faccio solo alla sera e nemmeno tutte le sere se le briciole per terra sono solo 4!
      Ma pulire i top delal cucina, riordinarla e caricare la lavastoviglie la sera è un momento che ho fatto “tutto mio”: metto su un audiolibro (non sai quanti libri ho “letto” con questo stratagemma), sbologno la bambina a mio marito, e mi faccio il regalo di una cucina in ordine la mattina al mio risveglio. Potrebbe sembrare “triste” trovare tutto questo un momento per se stessi, ma, da un lato sono fermamente convinta che prendersi cura della casa rientri nella sfera del prendersi cura di se stessi (purché non diventi una ussessione e fonte di stress) e sopratutto per la combinzaione con gli audiolibri io trovo questa pulizia quotidiana una piacevole routine, che a cui ormai tengo fede automaticamente anche se sono molto stanca.
      La cosa che però continuava a pesarmi tantissimo (in termini di tempo speso) era il secchio, ed ho trovato la soluzione laternativa della scopa a vapore (piccola e maneggevole), anche grazie al confronto con la mia socia MaGa! 🙂
      Se dovessi anche tu trovare dei metodi nuovi o avessi trucchetti salvatempo da condividere con noi, facci sapere! Siamo sempre affamate di nuova conoscenza!
      A presto e buona giornata!

      Liked by 1 persona

      1. Consigli da me? Oh mamma, cascate male perchè io non ho proprio nessun buon rapporto con le pulizie di casa, e essendo io artista anzi mi han detto che si aspettavano di peggio a casa mia. Ma fortunatamente non sono di quelli che lascian tutto ad ammuffire, però la lavastoviglie la faccio solo la mattina perchè di sera son troppo stanca. La mattina mi sveglio energica e ho più voglia di sistemare. La sera invece già è tanto se resisto a guardare un film sul divano. Quindi non so, per spolverare uso le salviettine umide per il cambio dei bimbi, son già bagnate e lasciano sempre un buon profumo. …di altro non mi viene in mente nulla per adesso. Buona serata a tutte allora 😊

        Mi piace

      2. Beh… è proprio da chi non vuole fare una certa cosa che possono derivare i migliori consigli invece! Come dice Bill Gates: preferisco assegnare un compito ad una persona pigra, perché troverà sicuramente il modo di ottenere il risultato con il minimo sforzo! Il consiglio delle salviette è utile. Io per risparmiare faccio una cosa simile: tengo uno spruzzino con acqua, alcool e olii essenziali sulla scrivania con dei panetti in microfibra. Quando mi accorgo che c’è polvere spruzzo, passo e via! 🙂

        Mi piace

  2. Ciao Amleta, vorrei innanzitutto ringraziarti per averci letto ma, sopratutto per aver condiviso con noi le tue soluzioni al “problema” pulizie. Sicuramente l’idea delle salviettine imbevute è originale e potrà ispirare qualcuno\a. Poi per la mia ” routine”, sebbene anche io la sera vorrei rilassarmi con un bel film non posso, ahimè lavoro fuori casa a un pò di km lontano e sono “obbligata” ad avere una certa disciplina altrimenti sarebbe un delirio.
    Un grosso abbraccio. Passa a trovarci spesso e a condividere le tue idee belle ed originali

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...